Home / Decoro urbano / Riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate
riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate
riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate

Riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate

Il gruppo Montoro 5 Stelle comunica di aver proposto e invitato l’Amministrazione Comunale e il Sindaco a partecipare al bando del “Piano nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 249 del 26 ottobre 2015.

Un’opportunità per tutti i Comuni che abbiano nel loro territorio la presenza di aree urbane degradate. Per la loro individuazione occorre fare riferimento all’indice di “disagio sociale”, che tiene conto dei tassi di disoccupazione, occupazione, concentrazione giovanile e scolarizzazione, e all’indice di “disagio edilizio”, che compara lo stato di conservazione degli edifici dell’area in esame con il valore medio nazionale.

I progetti devono avere ad oggetto la riqualificazione delle aree urbane degradate, devono essere costituiti da un insieme coordinato di interventi diretti alla riqualificazione del tessuto sociale, alla riqualificazione ambientale, mediante attivazione di servizi e interventi di ristrutturazione edilizia, riqualificazione e rigenerazione urbana con particolare riferimento allo sviluppo dei servizi sociali ed educativi e alla promozione delle attivita’ culturali, didattiche e sportive, senza ulteriore consumo di suolo.
Per ciascun progetto, il finanziamento a carico del Fondo non può essere inferiore a 100.000 euro e non può in ogni caso superare l’importo massimo di 2.000.000 di euro.

Gli attivisti del gruppo Montoro 5 Stelle auspicano che con la partecipazione al “Piano nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate” il Comune di Montoro possa promuovere politiche volte alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale, nonché al miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale ed ambientale.

Fabrizio Guadagno

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*