Home / Progetti / Progetto Riduzione delle indennità / Quanto ci costano i politici di Montoro?

Quanto ci costano i politici di Montoro?

Quando si parla di costi della politica normalmente si pensa alla politica nazionale non soffermandosi sui compensi degli Amministratori locali.

Quanti cittadini si sono chiesti quanto percepisce il Sindaco della propria città per il servizio che svolge?
Dipende. Dal numero di abitanti del comune che amministra, dalla professione che esercita, dall’andamento del bilancio comunale rispetto alla media regionale e da altri parametri. Le nuove norme sono state definite dal Ministero dell’Interno in accordo con il Tesoro e sono contenute nel Decreto 4 Aprile 2000 n°119.

Il dato preponderante è il numero di cittadini del comune in cui il sindaco svolge la sua funzione.
Anche la professione esercitata dal primo cittadino influenza la sua “busta paga”. Se il sindaco è un lavoratore dipendente l’importo riportato in tabella deve essere dimezzato, a meno che non richieda l’aspettativa per tutta la durata del mandato. I liberi professionisti al contrario percepiscono l’indennità piena.

Ai vicesindaci e agli assessori è corrisposto un compenso mensile pari a una percentuale dello stipendio del sindaco.
Ai consiglieri comunali invece si attribuiscono i cosiddetti gettoni di presenza, una sorta di indennità di presenza in aula che varia a seconda del numero di abitanti del comune in cui sono stati eletti.

Da evidenziare che la legge si limita solo a prevedere il tetto massimo delle indennità. Le stesse possono essere poi ridotte rispetto a tale limite e nessuna norma impedisce alla Giunta, o a singoli membri di essa, di rinunciarvi, parzialmente o totalmente.

Ora abbiamo tutti gli elementi necessari per rispondere alla nostra domanda: quanto costano ai cittadini di Montoro i propri amministratori?

Un miliardo ogni 4 anni!

L’Amministrazione Bianchino ha fissato le proprie indennità di funzione nella misura massima consentita dalla legge comportando il massimo carico di spesa per i cittadini di Montoro: 10.903,42 Euro al mese, per una spesa annuale di 130.000 Euro.

Per i #nostalgicidellalira, l’Amministrazione Bianchino costa ai cittadini di Montoro 250 milioni delle vecchie lire ogni anno. 1 MILIARDO ogni 4 anni.

 
Trasparenza Montoro 5 stelle indennità costi politica

Riduzione delle indennità di funzione del Sindaco, Giunta e Presidente del CC

L’Amministrazione Bianchino, come già ricordato, ha fissato le indennità di funzione nella misura massima consentita dalla legge. In un momento di forte disagio economico e sociale dovevano essere operate scelte diverse orientate alla coesione sociale.

Con la riduzione delle indennità del 30% e la rinuncia al gettone di presenza dei consiglieri comunali si possono recuperare 42.000 euro ogni anno da destinare al fondo comunale di solidarietà per attivare misure di sostegno al reddito. Si potrebbero adottare diverse iniziative in tal senso come:

  • i buoni spesa per le famiglie in difficoltà da utilizzare per l’acquisto di beni di prima necessità nei negozi di Montoro; 
  • l’istituzione del nucleo dei lavoratori occasionali per offrire la possibilità a disoccupati e studenti di Montoro, di svolgere lavoro occasionale di tipo accessorio, retribuito mediante buoni lavoro (voucher). Per ogni anno si potrebbero garantire fino a 4.200 ore di lavoro!

Oltre a sostenere soggetti che versano in situazioni di grave disagio economico e sociale, si permetterebbe al Comune di impiegare temporaneamente sul territorio montorese le risorse lavoro altrimenti inattive, in lavori accessori di pubblica utilità attivabili con procedure semplificate di affidamento nel rispetto dei vincoli previsti dalla normativa vigente in materia.

Basterebbe davvero poco per cambiare le cose!

 

Fabrizio Guadagno

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*